Thin(k) Freedom

Poesia dialettale contemporanea

Posted in Personal miscellaneous by Ronin on 2 luglio 2009


pr’un vèc c’me mì

abituäres ai cambiament an l’è mäi facil…

ma in confrònt ai mè tèmp

a ghe städa ‘na méza rivolusión,

d’ ätra pärta c’me diza un provèrbi

chi muda paéz, muda fortón’na”,

e ogni mutamènt cambia al nòstor destèn


ai tèmp indrè s’andäva a tribolär

d schén’na in t’i camp

e l’era normèl acsì ,

incò i van tùtt a lavorär in t’ofissi

dardè a ‘na tävla parciäda d’aparec’ tecnologic…

ai tèmp indrè parlävon tùtt al djalètt

e quälcdòn l’italian,

incò pärlòn tùtt italian

e chi’n pärla miga l’italian pärla ätri lengui

da l’ inglès, a l’arabo al cinès…

al djalètt purtròpp

l’è ormèj la lengua di vèc e di paezàn…

ai tèmp indrè is spajävon tùtt a la bonòa al cantär dal gal

e s’andäva a lèt prèst

sùbit dòpa avèr magnä

còll ch’a l’òrt a gh’äva produzì

par ne consumär al lùm d’la càndela ,

incò a gh’è d’la gènta

ch’a sta lét finchè al sôl al da in-t-la pansa

e po’ sta zvèlia tùtta la nòtäda,

l’è pù dificìl conòsser la fama

parchè despèss chi ‘n magna miga à béle magnä…

sòra la me tävla an manca mäi ‘na pagnòta d’pàn,

na fètta d’salàm e ‘n bicèr d’vèn s’cètt,

na volta as magnävon i srèzi a prìmmavera,

i fònz d’istä, la patòn’na d’avtòn, la tartùffla d’inveròn,

adèsa invèsi an’so miga c’me l’è,

ma as’magna la frûta ‘d stagiòn in tùtt i mèz d’l an…

ai tèmp indrè a la sägra dal me borògh

as’baläva il lìss,

incò a’ne g’son miga pù balèri

e anca i cantànt nostràn

i canton il’canson’ni in inglès…

ai tèmp indrè pr’andär in sitä a Pärma e gnìr indrè

a vrèva mèza giornäda,

incò a pära ch’a con al medesìm tèmp

as’pòl anca andär da cl’ätra pärta dal mònd….

par mì la mè cà e al mè paèz

j’eren tùtt al mònd,

incò invèsi i’m dizon ch al mònd l’è csì grand

ch’as’in frèga d’la mè cà e dal mè paèzen…

pr’un vèc c’me mì, badzä col vén,

che pàsa i so giorèn a zughär ai cherti dednans al camèn,

abituäros ai cambiament an l’è mäi facil…

al mè l’è n avgùrri

con ‘na brìza d’nostalgìa e un mucch d’ sperànsa,

ch’ i mè anvôd i pòlon vìvor

na vìtta bèla e giojôza in tl’era d’internèt,

sènsa però mäi dezmingärs

dil lôr origini, dil lôr tradiziòn’ni,

e, oviamènt, dal nostèr djalètt.

______________________________________________

Per un vecchio come me

abituarsi ai cambiamenti non è mai facile…

Ma in confronto ai miei tempi

c’è stata una mezza rivoluzione,

d’altra parte come recita un proverbio:

chi cambia paese, cambia fortuna”

e ogni mutamento cambia il nostro destino.

In passato si andava a faticare

di schiena nei campi e

d era normale così,

Oggi lavorano tutti in un ufficio,

dietro a una tavola apparecchiata con strumenti tecnologici

In passato parlavano tutti il dialetto

e qualcuno l’italiano,

oggi parlano tutti l’italiano

e chi non lo sa parla altre lingue,

dall’inglese, all’arabo, al cinese…

il dialetto purtroppo

è ormai solo la lingua dei vecchi di paese

in passato si svegliavano tutti presto al cantare del gallo

e si andava a letto presto

subito dopo aver mangiato

ciò che l’orto aveva prodotto

per non consumare il lume della candela

oggi c’è della gente

che sta a letto sino a quando il sole non è alto

e poi rimane sveglia tutta la notte,

è più difficile conoscere la fame

perché spesso se uno non mangia è perché ha già mangiato…

sopra la mia tavola non manca mai una pagnotta di pane,

una fetta di salame e un bicchiere di vino schietto

una volta si mangiavano le ciliegie in primavera,

i funghi d’estate, la pattona d’autunno e il tartufo d’inverno,

adesso invece non so come sia

ma si mangia frutta di stagione in tutti i mesi dell’anno…

in passato alla sagra del mio borgo

si ballava il liscio

oggi non ci sono più balere

e anche i nostri cantanti

fanno canzoni in inglese…

in passato per andare in città a Parma e tornare indietro

ci si impiegava mezza giornata,

oggi pare che con il medesimo tempo

si possa andare dall’altra parte del mondo…

per me la mia casa e il mio paese

erano tutto il mondo,

oggi invece mi dicono che il mondo è così grande

che se ne frega della mia casa e del mio paesino…

per un vecchio come me, battezzato con il vino,

che passa i suoi giorni a giocare a carte davanti al camino,

abituarsi ai cambiamenti non è mai facile…

il mio è un augurio,

con una briciola di nostalgia e un mucchio di speranza,

che i miei nipoti possano vivere

una vita bella e gioiosa nell’era di internet

senza però mai dimenticarsi

delle loro origini, delle loro tradizioni,

e, ovviamente, del nostro dialetto.


Pietro Romani – 2008

[Ormai siamo alla fine, ma certe cose vanno tramandate ai posteri…]

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. TATA said, on 3 luglio 2009 at 19:55

    Ciao, Jaky
    in bocca al lupo!!
    Ti penserò dalla spiaggia.
    Un grosso bacio
    Sara


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: