Thin(k) Freedom

Osservare, giudicare, agire

Posted in Personal miscellaneous by Ronin on 2 gennaio 2010

Questa volta cercherò di farla meno lunga dell’anno scorso.

A costo di passare da capo scout secchione, l’obiettivo di quest’anno (il proposito, se preferite) è di impostare le mie decisioni su queste tre parole.

Osservare significa essere in grado di capire nel profondo le cose (e quindi, inutile dirlo, non basta “vederle”).

Giudicare, nel senso di sapere valutare tutti i pro e i contro delle varie possibilità, senza troppi preconcetti.

Agire è ovviamente la fase più importante, senza la quale le altre perdono di senso.

Ed è la più importante anche perché per me è la più difficile.

Non ho mai avuto problemi a pensare e a vagliare ogni cosa, sono riflessivo di natura. Ne ho molti di più a prendere delle decisioni.

Non credo di essere vigliacco. Anche perché è una parola che vuol dire tutto e niente, visto che da un altro punto di vista può significare prudenza e oculatezza.

Sono solo spiazzato dalle sfaccettature delle cose, dall’ambiguità di ogni scelta. Forse l’esistenza è troppo incerta, il destino troppo volubile, per poter vivere senza dubbi e ansie. Ci vuole un anima troppo leggera per non aver paura di niente, e credo non sia proprio il mio caso.

Probabilmente l’unica soluzione è conviverci, nel miglior modo possibile. Ed è quello che intendo fare.

Il buon vecchio Danny Boodmann T.D. Lemon Novecento non ce la faceva mica, e non aveva nemmeno tutti i torti:

Ora tu pensa: un pianoforte. I tasti iniziano. I tasti finiscono. Tu sai che sono 88, su questo nessuno può fregarti. Non sono infiniti, loro. Tu sei infinito, e dentro quei tasti, infinita è la musica che puoi suonare. Loro sono 88, tu sei infinito. Questo a me piace. Questo lo si può vivere. Ma se tu, ma se io salgo su quella scaletta, e davanti a me si srotola una tastiera di milioni di tasti, milioni e miliardi di tasti, che non finiscono mai, e questa è la verita’, che non finiscono mai e quella tastiera è infinita… Se quella tastiera è infinita, allora su quella tastiera non c’è musica che puoi suonare. Tu sei seduto sul seggiolino sbagliato: quello è il pianoforte su cui suona Dio. Cristo, ma le vedevi le strade? Anche solo le strade. Ce n’è a migliaia, come fate voi laggiù a sceglierne una, a scegliere una donna, una casa, una terra che sia la vostra, un paesaggio da guardare, un modo di morire. Tutto quel mondo, quel mondo addosso che nemmeno sai dove finisce e quanto ce n’è. Non avete mai paura, voi, di finire in mille pezzi solo a pensarla, quell’enormita’, solo a pensarla?

Però la mia idea di futuro non contempla di saltare in aria nella sala macchine di una nave da crociera, quindi direi che l’unica soluzione sia di sforzarmi di seguire le tre paroline magiche.

Magari con una spruzzatina di mentalità zen, per attenuare un po’ le angosce.

E stando vicino alle persone a cui voglio bene (e che me ne vogliono), che nella “tenebra del mero esistere” fanno più luce di tutte le costellazioni della volta celeste.

Non ho altri propositi utopistici e poetici, anche perché a farne tanti poi si dimenticano quasi tutti.

Direi che già con questo sarò messo abbastanza alla prova.

Anche se, c’è da dirlo, dell’elenco dell’anno scorso ne ho portati a termine più di 2/3, che nella statistica dei propositi credo sia un mezzo miracolo..

2 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. laprincipessaraffreddata said, on 2 gennaio 2010 at 21:44

    Non male! Di propositi utopistici e poetici ne è pieno il mondo. Scegliere ed agire non sono azioni sempre semplici e leggere, ad alcuni serve più tempo, ad altri meno, ma il solo fatto di metterli tra i propositi per l’anno nuovo, è indice di determinazione e volontà! Quindi, buon anno Ronin e buona vita!

  2. Alce sensibile said, on 3 gennaio 2010 at 16:27

    Forse Novecento non sapeva (o non aveva mai sperimentato) che a volte sono le cose che scelgono te, che tra tante possibilità ad un certo punto ne emerge una più nitida, che sembra proprio quella giusta per te…ci hanno detto ‘guida da te la tua canoa’, OK ma non possiamo guidare sempre e solo controcorrente, perchè il fiume va comunque naturalmente al mare.
    E’ scomodo pensarlo, ma credo che se la vita mi dà troppa ansia un po’ significa che ho poca fede (in Dio, nel mondo, in me stesso), perchè certe cose devono succedere e non tutto può essere evitato; a volte il mio sforzo può soltanto evitare di subire gli eventi attraverso la loro accettazione con la più lucida consapevolezza di cui sono capace.
    Le tre ‘paroline’ giuro che funzionano, soprattutto se vengono declinate all’infinito: e dopo l’agire c’è una vuova osservazione e un’altra valutazione che correge e rilancia l’agire, che a sua volta rimodifica la realtà che mi circonda, e così via.
    Io invece, saltando il fosso dei cinquantanni e viaggiando spedito verso l’inevitabile inebriante rincoglionimento, credo di dover limitare i miei propositi per l’avvenire – come una brava zampa tenera – con un entusiastico ‘del mio meglio’.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: