Thin(k) Freedom

Di asset e PIL (valore vs valore aggiunto)

Posted in Dategli brioches by Ronin on 3 dicembre 2013

Palazzo Mezzanotte

L’economia politica non è famosa per essere una branca di studio particolarmente vincente sul mercato del lavoro. E non a caso al mio corso di laurea eravamo iscritti in 30, mentre i corsi in Finanza, Amministrazione aziendale e Management viaggiavano oltre i 200 iscritti. E a meno che il proprio obiettivo di vita non sia fare il ricercatore o lavorare per un’istituzione pubblica, qualsiasi esperto di risorse umane vi dirà che è più lungimirante investire in un corso di laurea che fornisca competenze utili per un’azienda.

Detto questo, studiare per anni anni micro e macroeconomia, statistica ed econometria, public policy e teoria dei giochi, permette di andare più a fondo nei meccanismi che regolano i sistemi economici, padroneggiando un quadro d’insieme negato ai profani.

Questa conoscenza (che per quelli come me che si sono fermati alla specialistica è, comunque, inevitabilmente parziale) permette anche di “smascherare” alcune credenze diffuse, onnipresenti nel dibattito pubblico, ma che sono tanto errate quanto apparentemente intuitive. Si tratta di ragionamenti che appaiono ragionevoli, e logicamente consequenziali, ma che ad un’analisi più profonda sono, semplicemente, errati. Tecnicamente si parla di “fallacie”.
Mi piacerebbe quindi provare a confutare in maniera divulgativa alcune delle più comuni, che riescono ad acquistare tanta autorevolezza da guidare il dibattito pubblico e influenzare giornalisti e legislatori.

In questo post parto con un grande classico:

(more…)