Thin(k) Freedom

Trivelle, ambiente e senso civico

Posted in Dategli brioches by Ronin on 21 aprile 2016

 

05Goliat float-on-11.jpg

Cerco di recuperare quanto nelle ultime settimane non sono riuscito a condividere riguardo al referendum, per l’oggettiva complessità della materia e per scarsità di tempo mia (che rendeva difficile affrontare con cognizione di causa tale complessità).

Ho evitato di lanciarmi in filippiche ecumeniche, anche e soprattutto per la mia conoscenza (per quanto laterale) del settore: qualunque cosa avessi scritto avrei potuto essere considerato a rischio di conflitto d’interesse e di appoggio interessato alle imprese energetiche. Mi sono morso la lingua, o meglio le dita, per settimane di dibattito di scarsissima qualità (a parte alcune eccezioni), ma non ho voluto influenzare nessuno nella propria scelta sapendo di non poter gestire un eventuale dibattito. Ma visto che da più parti mi è stato chiesto quale fosse la mia opinione in merito, e mi secca dare l’impressione di non averne una, provo a buttare fuori qualche considerazione inespressa sulle c.d. “trivelle”, più per esigenza personale che per reale interesse di convincere qualcuno (anche perché ormai è superfluo). Prima parliamo del merito del quesito, e poi di tutto quello di politico/strategico che è girato intorno al referendum.

(more…)

Keep calm and vote for Europe

Posted in Dategli brioches by Ronin on 22 maggio 2014

 keep-calm-and-vote-for-europe

Quante persone, intervistate a caso per strada, saprebbero indicare il nome del leader del PSE? Anzi, quante di queste avrebbero idea di cos’è il PSE?

Tristemente, molto poche. E in larga parte non è neanche colpa loro.

(more…)

Per un pugno di euro

Posted in Dategli brioches by Ronin on 24 aprile 2014

Renzi e Padoan

Pare che gli 80€ in busta paga si vedranno davvero a maggio. La notizia è certamente positiva e dimostra se non altro la determinazione di Renzi a non finire nel vortice delle promesse non mantenute, terreno scivoloso per qualunque politico. Vero però è che le promesse andrebbero meditate meglio, pena il rischio di trasformarsi in boomerang. A valle dell’annuncio frettoloso a inizio marzo, ci è voluto poco a capire che il tema era complesso e che si era buttato il cuore oltre l’ostacolo senza analizzare bene coperture e platea dei beneficiari.

Un mese dopo il decreto è nero su bianco (anticipato dal Sole, a giorni sarà pubblicato in Gazzetta) e gli esperti possono permettersi analisi più puntuali. La migliore che ho letto è quella della mai abbastanza lodata (per l’eccelso lavoro di informazione economica) LaVoce.info. Il professor Zanardi (che ho potuto apprezzare come presidente del mio corso di laurea all’Università di Bologna) spiega, in modo forse un po’ tecnico ma comprensibile ai più, i dettagli della misura, evidenziandone pregi e difetti.

(more…)

Cose Pubbliche

Posted in Dategli brioches by Ronin on 25 febbraio 2014
La cravatta si sente osservata. Da tutto il Paese.

La cravatta si sente osservata. Da tutto il Paese.

La capacità dei quotidiani di racchiudere una giornata politica in poche battute regala esempi di grande giornalismo d’inchiesta:

– “Mac, agenda e caffè: Renzi multitasking, banco del governo come la scrivania dell’ufficio”
– “Sul tavolo ingombro si intravede la copertina del libro «L’arte di correre» di Haruki Murakami”
– “Matteo si distrae durante il dibattito, richiamato dalla Boldrini”
– “Il Premier e il senatore Di Maio (M5S) si scambiano i bigliettini: reminescenze scolastiche”
– “L’ex premier Letta entra in aula, abbraccia Bersani e ignora il “traditore” Renzi”
– “La bella deputata brasiliana interviene alla Camera con parole di ammirazione per Matteo”
– “La cravatta di Renzi si sposta di lato e interviene Delrio a sistemarla”

No, dico, la cravatta di Renzi si sposta di lato e interviene Delrio a sistemarla.
Cioè, è super interessante.

E siamo al secondo giorno di governo.

Si aprono praterie per i prossimi mesi.

Ma Grillo sogna cittadini elettrici?

Posted in Dategli brioches by Ronin on 20 febbraio 2014

grillo-renzi

Stasera mi sono forzato a vedere lo streaming, anche se me ne fregava poco perché era chiaro cosa avrei visto.
Renzi, pur con tutti i punti di malus meritati con questa crisi raffazzonata, ha dimostrato di avere la stoffa del premier, per il semplice fatto di essere riuscito a non spaccare una sedia sui denti di un Grillo sempre più strafatto ed eversivo. Non ho ancora deciso se stimare l’aplomb, che lo ha raffigurato più maturo di uno che ha quasi il doppio dei suoi anni, o se biasimarne la mancanza di risolutezza, che al 5° minuto di conversazione avrebbe dovuto convincerlo a cacciare fuori un interlocutore che disconosce le regole della democrazia e dell’educazione.

(more…)

Il male necessario

Posted in Dategli brioches by Ronin on 29 aprile 2013

Enrico Letta

Io rispetto l’indignazione degli elettori del centrosinistra per quello che sta succedendo in questi giorni. Capisco che non sia facile digerire un “governissimo” PD-PdL, oltretutto dopo una campagna elettorale passata a negarlo in ogni sua forma.

E aggiungo che, da liberaldemocratico in cerca di rappresentanza quale sono, ho poco titolo a parlare delle convinzioni e delle esigenze della base elettorale del PD (che ogni giorno vedo più lontano dalla mia sensibilità).

Però sono giorni che ci penso e devo buttare fuori qualche considerazione di puro pragmatismo sulle ragioni che stanno alla base della nascita di questo governo. Non parlerò della stima che nutro per la persona di Enrico Letta, né del programma (obiettivamente ancora troppo vago e cerchiobottista), ma di alcuni motivi per cui questa situazione non piace a nessuno, ma è anche l’unica che minimizza i danni. E anche del perché è una soluzione comunque legittima (e neanche tanto rara) del nostro ordinamento costituzionale.

(more…)

Post-Primarie

Posted in Dategli brioches by Ronin on 4 dicembre 2012

rottama-stocazzo

Guardando il mio blog, uno penserebbe che ho serenamente ignorato le primarie del centrosinistra.

Niente di più lontano dal vero. Semplicemente, meno tempo, sempre meno, da dedicare alle analisi politiche ed economiche che tanto mi piacciono. Ormai sono alla scelta fra il leggere e lo scrivere, per fare entrambi dovrei abbandonare la mia vita sociale (già duramente provata).

In realtà, raramente mi sono appassionato così ad una tornata elettorale, seppur solo “partitica”. Ho studiato i programmi, ascoltato i dibattiti, letto gli articoli dei quotidiani, discusso con gli amici e sui social network. Mi ci sono immerso, in un modo spontaneo e meno “accademico” del mio solito: ho analizzato meno e partecipato di più.

Risparmio l’intimismo perché preferisco parlare di politica. E anche perché il bravissimo Enrico Sola (alias @Suzukimaruki) ha già scritto un post molto bello in cui esprime all’incirca quello che ho provato io in queste settimane. Vivamente consigliato, perché scritto da qualcuno che ama profondamente la politica, senza secondi fini.

Vorrei fare qualche considerazione sparsa, più che altro a livello di sensazioni e previsioni per il futuro. Alcune cose magari sono già state dette, visto che in questi giorni le analisi si sprecano, ma pazienza. Spero che ci sia dietro un senso compiuto.

(more…)

Renzi e il liberismo, ovvero “Coraggio PD… fatti votare”

Posted in Dategli brioches by Ronin on 8 giugno 2012

Non so voi, ma uno del PD che dice:

“Dimostreremo che non è vero che l’Italia e l’Europa sono state distrutte dal liberismo ma che al contrario il liberismo è un concetto di sinistra, e che le idee degli Zingales, degli Ichino e dei Blair non possono essere dei tratti marginali dell’identità del nostro partito, ma ne devono essere il cuore”

come minimo bisogna ammettere che ha del coraggio.

(more…)

10 cose buone

Posted in Dategli brioches by Ronin on 26 maggio 2012

L’estratto dal nuovo libro di Pippo Civati mi ha messo di buonumore. Il libro è in vendita nelle librerie dal primo giugno ed è già disponibile come e-book a un prezzo stracciato (ragione in più per comprarlo).

Mi ha messo di buonumore, dicevo, perché intravedo un bel modo di fare politica, un modo pulito e appassionato, con una visione del futuro ma abbastanza pragmatico da capire quali sono i mezzi migliori per raggiungere gli obiettivi.

(more…)